Relatore/Relatrice


Pietro Cirrincione

Consigliere Autism-Europe e Gruppo Asperger Onlus, Roma

BIOGRAFIA

Consigliere di Autism-Europe e del Gruppo Asperger Onlus, capitano della Romulea Autistic Football Club. Persona nello spettro autistico, informatico di professione, volontario e atleta nel tempo libero.

Attività


La scuola da studente nello spettro: riflessioni ed esperienze personali

Relatori: Pietro Cirrincione

Pietro

Cirrincione

S4. Aspetti etici e culturali dell’autismo: riflessioni e prospettive di cambiamento a confronto


AMBITO CULTURALE-SOCIALE

Introduce e coordina:
Flavia Caretto (Presidente Culturautismo Onlus, Roma)

La condizione autistica e il cambiamento di cultura e conoscenze
Michele Zappella
(Neuropsichiatra infantile, Università di Siena)
L’aumento di prevalenza dell’autismo, strepitoso in certe aree del mondo, molto minore in altre, e correlato ai criteri diagnostici usati, è la cartina di tornasole tra continuità e cambiamento nei riguardi dell’autismo che rimane come un «disturbo» nel primo caso e diventa una «condizione» nel secondo. Le conoscenze, poi, sono aumentate sia relativamente alla tematica autistica – si pensi alla frequenza delle comorbidità – sia nei disturbi del neurosviluppo con l’evidenza in alcuni di essi di sintomi uguali a quelli autistici.

Autismo e isolamento sociale per le famiglie: come uscirne?
Benedetta Demartis
(Presidente Nazionale Angsa Onlus)
La condizione di isolamento sociale, che riguarda ancora oggi molte persone con autismo e i loro familiari, è un problema culturale oppure è strettamente legata ai servizi sanitari e territoriali ancora troppo inadeguati e spesso inefficienti? Le Linee d'indirizzo sono irrealizzabili? Cosa si può fare per migliorare realmente la partecipazione e il benessere delle persone autistiche e dei loro famigliari?

L’importanza della dimensione etica nell’autismo
Pietro Cirrincione
(Consigliere Autism-Europe e Gruppo Asperger Onlus, Roma)
L'importanza dell'etica nell'autismo è un elemento incredibilmente sottovalutato nell’ambito della ricerca scientifica, delle pratiche educative, delle politiche e persino nelle attività del Terzo Settore. Le esigenze particolari e le diverse espressioni dello spettro autistico richiedono infatti punti di vista diversi, ma spesso manca questa consapevolezza quando si sperimentano farmaci, si scelgono priorità di ricerca, si propongono interventi clinici e anche tra coloro che dovrebbero cooperare per realizzare l'inclusione sociale. Promuovere una vera inclusione passa infatti anche attraverso l’uso di un linguaggio non stigmatizzante, non concentrato solo sugli aspetti medici e considerato accettabile sia dalle famiglie sia dalla comunità autistica.
 

Relatori: Pietro Cirrincione , Benedetta Demartis , Flavia Caretto , Michele Zappella

Pietro

Cirrincione

Benedetta

Demartis

Flavia

Caretto

Michele

Zappella

QT3. Differenze di genere e autismo


AMBITO CULTURALE-SOCIALE

Introduce e coordina:
Laura Pulici (Erickson, Trento)

  • Quali sono le evidenze scientifiche sulle differenze di genere nei disturbi dello spettro autistico?
    Laura Fatta (Istituto Superiore di Sanità, Servizio di Coordinamento e Supporto alla Ricerca, Roma)
     
  • ​​Esiste l’autismo al femminile? E quali sono le caratteristiche e le connotazioni che lo distinguono da quello maschile?
    Luisa Di Biagio (ChPsychol, Membro Accreditato British Psychological Society e Cascina Blu ONLUS)
     
  • Com'è vivere l'autismo al maschile?
    Pietro Cirrincione (Consigliere Autism-Europe E Gruppo Asperger Onlus, Roma)
     

Relatori: Pietro Cirrincione , Laura Pulici , Luisa Di Biagio , Laura Fatta

Pietro

Cirrincione

Laura

Pulici

Luisa

Di Biagio

Laura

Fatta